Sei alla ricerca di un fabbro per sostituire cambiare o riparare la serratura, aprire una porta bloccata, riparare una tapparella serranda o avvolgibile qui sei nel posto giusto.

domenica 28 giugno 2020

Come aprire una porta bloccata quando si rimane chiusi fuori casa


Rimanere chiusi fuori casa senza chiavi è purtroppo uno degli inconvenienti più comuni nella frenetica vita odierna. Vi sono molti metodi per aprire una porta bloccata e poter quindi rientrare in casa: alcuni sono semplici ed intuitivi, altri per essere eseguiti in maniera corretta necessitano di particolari attrezzi e della competenza di un professionista.
Analizziamo i vari metodi, a partire dai più accessibili e meno distruttivi, fino a quelli più complicati.

Aprire porta bloccata: Il metodo della tessera di plastica

Se uscendo di casa, avete preso con voi il portafoglio, avete certamente a disposizione una tessera bancomat o una carta fedeltà dei supermercati: questo oggetto vi consentirà in pochi semplici passaggi di aprire la porta bloccata, ma solo se questa abbia una serratura a scatto, a molla o con il chiavistello a cuneo e la maniglia. È sempre meglio utilizzare una tessera piuttosto resistente e che non si rompa facilmente, anche se alla fine di questa pratica, qualsiasi tessera subirà qualche danno.
Per iniziare, inserite la tessera tra la porta e la cornice, almeno 10 cm più in alto della serratura. Con un gesto secco e veloce, fatela scorrere verso il basso fino a quando, incontrando il chiavistello, lo forzerete a rientrare nella porta. Contemporaneamente spingete in basso la maniglia. Probabilmente dovrete ripetere l'operazione più di una volta, per individuare per bene il punto in cui sarà più efficace forzare in chiavistello.


Apertura serratura bloccata: Scassinare la serratura

Un secondo metodo, più invasivo, per la buona applicazione del quale sono necessari qualche strumento in più, buona manualità e sensibilità, è quello dello scassinamento della serratura. Per realizzarlo dovete munirvi di una chiave esagonale e una graffetta della quale raddrizzerete un'estremità incurvata. Esistono due pratiche per scassinare la serratura di una porta bloccata: una è il cosiddetto Scrubbing e l'altra è la forzatura Cilindro per cilindro, che deve essere eseguita qualora la prima non dia gli effetti sperati.

Innanzitutto dovete inserire il lato minore della chiave esagonale nella parte della serratura che ne permetta l'ingresso. Iniziando con un certo grado di forza e mantenendolo inalterato, ruotate la chiave esagonale nel verso di apertura della serratura. Ora inizia il cosiddetto Scrubbing: inserite l'estremità raddrizzata della graffetta nella parte immediatamente superiore della serratura rispetto a quella occupata dalla chiave esagonale, quindi spingete e compiete dei movimenti circolari. Continuate finché non sentirete il movimento del meccanismo. Regolate la forza e la pressione in base alla risposta della serratura, in ogni caso non esagerate, poiché il carico eccessivo, oltre ad essere inutile, potrebbe causare la rottura della graffetta nella serratura e rendere l'apertura della porta bloccata, molto più difficile.

Se il metodo dello Scrubbing non genererà il movimento del meccanismo della serratura, dovrete adoperarvi nella pratica della forzatura Cilindro per cilindro.
Per eseguirla in maniera efficace: esercitate una forza costante sulla chiave esagonale, facendola roteare nel verso di apertura della serratura, mentre inserendo la graffetta, sempre nello stesso spazio immediatamente superiore, cercate di individuare un cilindretto. Appena vi sembrerà di averlo individuato, spingetelo quindi verso l'alto con la graffetta finché non si blocchi nel suo spazio e ripetete la stessa pratica per tutti i cilindretti di cui è composta la serratura.


Aprire una porta con serratura bloccata: Rompere i cardini

Un altro metodo, sicuramente più invasivo e per il quale si necessita di qualche attrezzo è la rottura dei cardini della porta bloccata. Per eseguire questa pratica occorre munirsi di cacciavite piatto e martello. In alcuni casi i cardini della porta sono immediatamente visibili al lato di essa, mentre in altri casi sarà necessario rimuovere la cornice che li copre.
Per prima cosa inserire la punta del cacciavite tra il perno e la cerniera vera e propria. Battete quindi con il martello sul manico del cacciavite verso il basso finché il perno non si sarà allentato tanto da poter essere sfilato.


Aprire una porta con serratura bloccata: Distruggere la maniglia

Se non è stato possibile aprire la porta bloccata ponendo in essere uno dei metodi sopraindicati, sarà necessario rompere la maniglia per avere libero accesso alla serratura. Se la maniglia è unita alla porta con delle semplici viti, sarà sufficiente svitarle per poter accedere alla serratura. In alcuni casi però, si ritiene necessario aprire la porta in fretta, quindi occorrerà ricorrere ad una pratica distruttiva per l'infisso, ma senza dubbio efficace: con un martello battete sulla maniglia o sulla serratura fino a farle cadere. Questo metodo è sicuramente efficace, ma applicandolo dovrete successivamente sostituire la serratura, la maniglia ed in alcuni casi anche la porta.
Si consiglia di contattare un fabbro o un esperto del settore nei i casi in cui non si possa aprire una porta che abbia la serratura bloccata e non si disponga di strumenti idonei. I metodi sopraelencati per aprire una porta bloccata quando non si è in possesso delle chiavi, debbono essere eseguiti esclusivamente da persone adulte e che abbiano un minimo di manualità e strumenti adeguati allo scopo.

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on Google+

Related : Come aprire una porta bloccata quando si rimane chiusi fuori casa

0 commenti:

Posta un commento